in

Ue, il nuovo ‘Whatever it takes’ di Draghi: “Fate qualcosa, non si può dire sempre no”

(Adnkronos) – Non è il ‘whatever it takes’ ma ci si avvicina. Quando Mario Draghi vuole mandare messaggi chiari sceglie parole che possono essere difficilmente equivocate e per richiamare il Parlamento europeo all’urgenza di fare le riforme strutturali che servono non utilizza giri di parole: fate qualcosa, non si può dire sempre di no. Ci sono, insieme, lo stimolo a cambiare e una denuncia esplicita di quello che meno funziona nella gestione delle politiche europee, partendo dai veti che bloccano qualsiasi prospettiva di innovazione. Allo stesso modo, e qui il richiamo alla celebre rassicurazione usata per indicare la determinazione a salvare l’Euro è ancora più pertinente, servono investimenti che vanno stimolati “con qualsiasi mezzo”.  

Draghi, come ricostruito dall’Adnkronos con Tommaso Gallavotti, parla ai presidenti delle commissioni del Parlamento Europeo, a Strasburgo, del dossier sulla competitività che ha preparato su invito della Commissione Ue, facendo riferimento all’Ecofin informale di Gand, di sabato scorso: “Mi hanno chiesto ‘qual è l’ordine in cui tutte queste riforme andrebbero fatte’? Non ho idea di quale sia l’ordine, ma vi posso dire solo una cosa: per favore, fate qualcosa. Fate qualcosa: scegliete voi che cosa, ma fate qualcosa. Non potete passare altro tempo dicendo di no a tutto”.  

L’ex presidente della Bce, del resto, ha sempre avuto lo stesso approccio. Per dare una prospettiva reale all’Europa, come comunità politica e come comunità economica, è indispensabile partire da quello che non funziona. “I soldi sono solo un aspetto del problema. L’altro aspetto è una profonda rivisitazione delle regole che abbiamo costruito e sulle quali abbiamo lavorato”. In particolare, Draghi fa riferimento al mercato unico. “Le chiamavamo riforme strutturali. E’ quello che dobbiamo fare ora: riforme strutturali, a livello di Unione Europea. Il mercato unico è altamente imperfetto: ci sono centinaia di direttive che non vengono attuate, o che vengono attuate in modo diverso a seconda dei Paesi”. Poi c’è il riferimento, altrettanto significativo, al mercato elettrico. “E’ un altro settore cui dobbiamo guardare, perché chiaramente l’Europa non può essere competitiva, se paghiamo l’elettricità tre volte tanto quanto costa negli Usa e il gas naturale cinque o sei volte tanto. Ci sono molte cose che dobbiamo fare, delle quali i soldi sono solo una”. 

Proprio parlando di soldi, di risorse, un altro passaggio chiave. Nell’Ue, dice, c’è “un immenso bisogno di investimenti”, che dovrebbe essere soddisfatto con “qualsiasi mezzo” utile allo scopo. Si potrebbe anche pensare “ad un mix di molte cose. Una delle cose, probabilmente la più importante, è la capacità di mobilitare i risparmi privati”. 

Uno dei punti deboli dell’Ue, è infatti il ragionamento di Draghi, è che la ricerca è “scarsamente” finanziata dal settore privato. La conseguenza sono una serie di domande. “Come possiamo mobilitare meglio i risparmi privati e i soldi pubblici per questi progetti? Ma il secondo punto è l’innovazione: come la stimoliamo nell’Ue? Mi riferisco agli Usa, perché sono una democrazia. In Cina, chiaramente, la società è molto diversa. Negli Usa circa i due terzi della ricerca vengono finanziati dal settore privato, solo un terzo dal pubblico. Nell’Ue due terzi della ricerca è finanziata dal settore pubblico. Perché il finanziamento privato è così scarso nell’Ue?”. Domande che cercano risposte e che non ammettono ulteriori tentennamenti, con uno spirito molto vicino a quello del ‘Whatever it takes’. (Di Fabio Insenga)  

Written by Adnkronos

Depressione si ‘legge’ in faccia, App cellulare usa Ai per rilevarla

Come funziona la Mailroom digitale