in

Sherlock Holmes nella “Valle della Paura” per il giallo di Conan Doyle al Ciak di Roma

(Adnkronos) – Come una ‘cena con delitto’ ma… senza la cena. Resta però il delitto, da dipanare fra apparenza e realtà, nella ‘Valle della Paura’, location in cui si aggira Sherlock Holmes chiamato dal suo autore sir Arthur Conan Doyle a dare un saggio delle sue qualità investigative e intuitive, per quello che è il suo ultimo romanzo, tratto da una storia vera, ora in scena fino al 3 marzo al teatro Ciak di Roma, con Paolo Romano nel ruolo del protagonista, accanto a Guido Targetti nei panni del dottor Watson, diretti dalla regista Anna Masullo. E a indagare è in ogni serata anche il pubblico in sala, chiamato a esprimere nell’intervallo le sue doti da investigatore indicando l’assassino e il movente dell’omicidio. 

“Divertimento e suspense, con l’aggiunta dell’arte della deduzione – è la ‘promessa’ contenuta nelle note di regia – Indagini mozzafiato, colpi di scena e un epilogo davvero sorprendente, in un vertiginoso e inimitabile intreccio di generi, per una delle più famose peripezie del mitico re dei detective, Sherlock Holmes”. La storia vera cui si è ispirato lo scrittore Conan Doyle è quella dei Molly Maguires, ovvero della società segreta attiva negli Usa, in Pennsylvania, nella seconda metà dell’Ottocento: il gruppo criminale si rese colpevole di una serie di attentati, omicidi e sabotaggi ai danni delle forze dell’ordine e dei proprietari delle miniere. 

(di Enzo Bonaiuto) 

Written by Adnkronos

Mario Vs. Donkey Kong ci riprova su Switch dopo vent’anni

Pensiero classico per sfidare l’IA in ‘Umano, poco umano’ di Crippa e Girgenti