in

Foibe, l’annuncio di Sangiuliano: “Museo del Ricordo sorgerà vicino piazza del Popolo”

(Adnkronos) – Per il museo del ricordo, “che vorremmo fare a Roma, abbiamo già individuato l’edificio e si trova nella zona di Piazza del Popolo”. Ad annunciarlo è Gennaro Sangiuliano, ministro della Cultura, in occasione della rassegna ‘Forum in Masseria’ condotto da Bruno Vespa. Il museo del Ricordo, insieme a quello della Shoah “passato con legge”, “sono due musei che poi mi sono particolarmente a cuore”, afferma il ministro.  

Quindi Sangiuliano rivendica gli enormi passi avanti fatti dai musei italiani. “Ho portato da 40 a 60 i musei autonomi perché credo allo strumento dell’autonomia. L’autonomia che si costruirà da un punto di vista normativo noi l’abbiamo già fatta e ha dato dei buoni risultati”. E “grazie all’autonomia, i musei del sud Italia hanno ribaltato lo schema: oggi il Man, il Museo archeologico nazionale di Napoli, Capodimonte, il Parco di Pompei ma anche il Museo di Reggio Calabria sono dei gioielli di efficienza, di pulizia e organizzazione”. 

Questo perché, aggiunge il ministro, “l’autonomia significa più risorse, una managerialità nella gestione e la capacità di spendere immediatamente le risorse economiche”. Ogni museo, afferma Sangiuliano, “ricorda noi da dove veniamo e chi siamo, ma sono anche una straordinaria occasione di rappresentazione della nazione italiana e di sviluppo. Noi siamo un unicum, abbiamo cose che altri non hanno e che sono risultati di questa storia millenaria”. 

“Sono enormemente migliorati e non solo per merito mio. Anche il mio predecessore ha fatto cose interessanti”, riconosce. Passi avanti che, sottolinea il ministro, “ci riconosce la comunità internazionale degli esperti: ho incontrato la direttrice del Louvre, con la quale ho un piccolo contenzioso perché ci devono restituire sette vasi che sono stati trafugati e anche lei ha detto pubblicamente che i musei italiani hanno fatto passi enormi”. 

Alla Pinacoteca di Brera “ci sono stato ben otto volte, ho trovato un direttore finalmente bravo e noi il 7 dicembre apriremo Palazzo Citterio che sarà un’operazione straordinaria perché noi avremo una Brera numero due”, annuncia il ministro.  

“In questo momento a Capodimonte c’è un investimento di 40 milioni di euro. Sono iniziati i lavori ed io sono andato sul cantiere per vedere che tutto fosse fatto in regola”, afferma Sangiuliano. Grazie a questi nuovi interventi, spiega il ministro, “il 90% dell’energia di Capodimonte sarà dato dagli impianti fotovoltaici”. Inoltre, “verrà ripristinata la vecchia terrazza di Capodimonte che era stata dismessa e stiamo ripristinando quel palazzetto che è di fronte alla reggia di Capodimonte dove metteremo l’arte contemporanea”.  

Written by Adnkronos

‘Illuminate’ torna su Rai3, con Martina Stella alla scoperta di Nilla Pizzi

Invasa da due anni, la guerra d’Ucraina – Ascolta